Miei Pensieri

Masterclass di composizione

Masterclass di composizione classica, contemporanea e moderna.

Nelle date tra l’8 e il 13 luglio 2019 si terrà, presso la scuola di musica Paganini di Legnano (Mi), la masterclass di composizione di Roberto Brambilla.

La masterclass affronterà, durante le sei giornate del corso,  tematiche di analisi di alcuni  capolavori del panorama classico, contemporaneo e moderno. Il filo conduttore saranno le forme musicali e la vocalità, attraverso riflessioni e spunti del compositore.

Alle lezioni di teoria si affiancheranno quelle di esercitazione e di confronto e discussione delle partiture degli allievi.

Sono aperte le iscrizioni per allievi effettivi e per allievi auditori.

Per gli allievi della scuola Paganini é previsto un’agevolazione del 50% sui costi di iscrizione.

Costi: Allievi effettivi 250€, Allievi auditori 125 €

Arte figurativa e musica, insieme ancora una volta

Ancora una volta devo ringraziare Emanuele Gregolin, artista che mi ha dedicato questo lavoro partendo proprio da un mio lavoro. Potete trovare un’intervista dedicata qui .

Partendo proprio dalla partitura di un lavoro dedicato ad un suo quadro, Paesaggi Contaminati, Gregolin ha elevato al cubo il valore di questo mio piccolo lavoro. A lui i miei ringraziamenti e tutta la mia stima.

Concerto il giorno del Sacro Cuore a Busto Arsizio (Va)

08 giugno 2018, ore 21, Chiesa del sacro Cuore di Busto Arsizio (Va).

Esecuzione del brano per organo “Haurietis Aquas”, commissionato in occasione del restauro dell’organo della chiesa del Sacro Cuore di Busto Arsizio.

Il concerto è un recital organistico. In programma musiche di Bach, Buxtehude, Mozart, Liszt, Brambilla. Organista: Raffaele Murgia.

Ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

Jeudi du conservatorie (Aosta)

12 Aprile 2018, ore 20:30, Auditorium dei Balivi, Aosta

Prima assoluta mondiale di “Guarda che bianca luna!”

Recital cameristico a cura di Federico Longhi con:

Federico Longhi, baritono
Maria Cristina Pantaleoni, Pianoforte

Esecuzione della prima di “Guarda che bianca luna!”, aria da camera sullo stile di scrittura di Giuseppe Verdi, dal ciclo liederistico scritto in stile di Roberto Brambilla.